Questo sito utilizza i cookie.

Se ignori l'avviso presti il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

 

Cos'è il Reiki

Simbolo ReikiIn una rara intervista Mikao Usui definisce il Reiki usando queste parole:

"Il mio trattamento Reiki Usui è originale, non c'è niente di simile al mondo. Vorrei renderlo pubblico per il benessere di tutti e spero, per la felicità di ognuno. Il mio trattamento Reiki Usui è un metodo originale basato sull'intuitivo potere dell'universo. Con questo potere, il corpo ottiene salute, si accrescono la felicità nella vita e la pace mentale. Oggi la gente ha bisogno di migliorare e costruire dentro e fuori la propria vita. Questa è la ragione per la quale ho reso il mio metodo pubblico: aiutare la gente con le loro malattie fisiche o mentali".

La parola Reiki è d’origine giapponese ed è composta da due sillabe o kanji: Rei e Ki. La prima, Rei (霊), sta ad indicare qualcosa di misterioso, miracoloso e sacro; è in relazione all'immanifesto, al trascendente, a ciò da cui tutto ha avuto origine. Ki (気) - in Cina si pronuncia Ch'i e alcune discipline ne hanno il nome come il Tai Ch'i, in India prende il nome di Prana - significa atmosfera, è il soffio vitale, è l'energia che anima ogni cosa, ogni essere, ogni atomo dell'Universo e oggi è anche oggetto di studio della fisica quantistica. La parola Reiki simboleggia l'unione di questi due aspetti dell'energia.

Dunque, il kanji Reiki, può essere definito come la miracolosa e sacra energia dell'universo, che infonde e sostiene la vita.

Quando il Ki è “scarico” o non più in equilibrio a causa di uno stile di vita non appropriato, per lo stress o per la mancanza oggi sempre più incombente di quelli che possiamo chiamare valori umani, allora possono insorgere problemi che riguardano sia il corpo che la mente. Essere un operatore reiki significa prestarsi a fare da canale proprio tra Rei e Ki, significa essere un mezzo per portare nuova linfa, luce ed equilibrio lì dove ce n’è bisogno e le persone traggono grande beneficio da questo.

Il vero nome del Reiki è "Reiki Ryoho"

Usui-sensei ha ideato o “coniato” l'espressione Reiki Ryoho.
Reiki = Energia dell'Universo
Ryo = Guarigione
Ho = Arte/Metodo

Quando la maggior parte delle persone usano il termine "Reiki", si riferiscono in realtà al "Reiki Ryoho," l'arte di guarigione con le mani di Usui. Il merito di Usui non fu certo quello di scoprire Reiki ma quello di creare un metodo affinché tutti potessero diventare canali Reiki e aiutare se stessi e gli altri.

“Shin Shin Kaizen Usui Reiki Ryoho” (nome per esteso della disciplina) è "l'arte di guarigione di Usui per il miglioramento della mente e del corpo tramite l'energia Reiki". Un'arte che è anche e soprattutto una guida per i praticanti sul personale sentiero verso il raggiungimento di Satori o "illuminazione" e Anshin Ritsumei o "assoluta pace interiore".

A chi è diretto?

CorsistiReiki Ryoho è facile da imparare e veramente semplice da usare e chiunque può essere iniziato al Reiki Ryoho e diventare un praticante.

Per imparare non necessitano doti o predisposizioni particolari né conoscenze mediche. L’allievo è iniziato al Reiki per mezzo di un rituale chiamato "Reiju" o "armonizzazione". Il significato di Reiju è donare/ricevere spiritualità. Grazie ai Reiju riscopriamo la nostra naturale abilità di guarigione tramite l’energia che fluisce tramite le nostre mani. Già durante il corso di primo livello, inoltre, si apprende come "canalizzare l’Energia" e come, sulla base dei 5 principi di Usui, coltivare la propria spiritualità per essere un canale sempre migliore.

E' così che inizia il percorso del Reiki.

Amore, umiltà, compassione, buona volontà sono la forza del praticante Reiki. E’ così che l’energia vitale universale scorre forte in lui. Non è lui che guarisce ma l’energia che lui stesso canalizza a guarire.

 

I 5 principi di Usui

“Il Reiki non è una religione ma è un percorso spirituale, verso la libertà e la liberazione, un
percorso verso l’illuminazione. Per percorrere questa strada, abbiamo bisogno di una mappa. Questa
mappa che ci guiderà ci è stata data da Usui Sensei nella forma dei 5 principi reiki”. (Petter)

Per il miglioramento di mente e corpo pratica l'arte della guarigione Reiki di Usui e i Princìpi.

L'arte segreta per invitare la felicità, la medicina miracolosa per curare tutte le malattie

Solo oggi

Non arrabbiarti

Non preoccuparti

Sii grato

Lavora diligentemente

Sii gentile con gli altri

 

Mattino e sera fai Gassho (meditazione)

Custodiscili nella mente e recitali con la voce

Gokai

Immagine tratta dall'Hikkei, il libretto consegnato ai membti della Gakkai


a) 心身改善: (Shinshin kaizen) miglioramento mente e corpo
b) 臼井靈氣療法: (Usui Reiki Ryoho) l'arte della guarigione Reiki di Usui
c) 教義: (Kyogi) Insegnamenti (Principi)
d) 招福の秘法:(Shofuku no hiho) metodo segreto per invitare la felicità
e) 萬病の霊薬:(Manbyo no reiyaku) medicina miracolosa per curare tutte le malattie
f) 今日丈けは:(kyo dake wa) SOLO OGGI
g) 怒るな:(Ikaru na) NON TI ARRABBIARE
h) 心配すな:(Shinpai suna) NON TI PREOCCUPARE
i) 感謝して:(Knasha shite) CON GRATITUDINE
j) 業をはげめ:(Gyo wo hageme) LAVORA DILIGENTEMENTE
k) 人に親切に:(Hito ni Shinsetsu ni)SII GENTILE CON GLI ALTRI
l ) 朝夕:(Asa yu) mattino e sera
m) 合掌して:(Gassho shite) fai Gassho
n) 心に念じ:(Kokoro ni nenji) custodiscili nella mente
o) 口に唱へよ:(Kuchi ni tonahe yo) recitali con la voce


La fonte dei Princìpi dell'arte di guarigione Reiki Usui (Cinque Precetti)

Il Maestro Usui, il fondatore dell’Usui Reiki Ryoho, creò i Cinque Principi (o Cinque Precetti) basandosi su una frase della pagina iniziale del libro intitolato “Enzen-no-genri” o “Il Principio del Suono”, scritto dal dottor Suzuki Bizan e pubblicato il 28 dicembre durante il terzo anno di Taisho (1914). La frase intitolata “Un Sentiero per il Suono" recita così:
"solo oggi non essere arrabbiato, non essere impaurito, con onestà, esegui diligentemente il tuo dovere, sii buono con gli altri."


Usui

Mikao Usui

  

Quale Reiki?

 

InamotoIl Reiki deve la sua più vasta diffusione in occidente a Hawaio Takata, un’americana-giapponese nata alle Hawaii. A caratterizzare il reiki diffusosi in occidente, oltre all’impronta personale data dalla Takata stessa è stato anche il contributo apportato dai Master che si sono via via succeduti con le loro esperienze e mentalità.

Questo processo, pur sempre positivo quando animato da un sincero spirito di ricerca, ha spesso finito per spostare il focus su aspetti tecnici, pratici e teorici derivati da altre discipline fino all'invenzione di decine di nuovi stili Reiki ognuno col suo nome e con le sue peculiarità e a volte con nuovi simboli. Ma perché cambiare le carte in tavola quando l'Usui Reiki Ryoho nella sua semplicità e purezza è perfetto così com'è? Usui, è importante ricordarlo, non inventò la disciplina a seguito di un iter di studi, ricerche o altri insegnamenti, ma ricevette il dono del Reiki Ryoho sul Monte Kurama dopo 21 giorni di digiuno e meditazione. Fu una vera e propria rivelazione dall'alto, e quindi di per se già perfetta e completa che non necessita di variazioni che possono solo ridurne la portata.

Reiki Ryoho è in realtà una tecnica molto semplice. Così semplice che gli occidentali hanno difficoltà a capire che una cosa così semplice può essere così efficace. Reiki Ryoho calma la mente, consente di aprire una strada tra i pensieri, permettendo all'energia Reiki di fluire attraverso di noi, non da noi. Con la pratica quotidiana e l'auto-trattamento, meditando e vivendo i precetti del Reiki, come studente di Reiki in realtà si sta seguendo un percorso verso l'illuminazione. In questo processo di guarigione si diventa più forti, più lucidi, e uno strumento sempre più puro per far fluire l'energia Reiki. Creatività e intuizione aumentano mentre la capacità di passare questo dono di guarigione a se stessi e gli altri diventa una meravigliosa conseguenza della nostra pratica spirituale interiore.

Risalire agli insegnamenti originali, è come vedere l’essenza stessa del Reiki. E non finirò mai di ringraziare il Rev. Hyakuten Inamoto fondatore della Komyo ReikiDo®, al cui lignaggio appartiene chi scrive, per aver svolto un magnifico lavoro grazie al quale la disciplina del Reiki è stata ricondotta verso la tradizionale spiritualità del metodo originario di Mikao Usui. Questo è il Reiki di cui parliamo e al quale è ispirato il nostro insegnamento e la pratica giornaliera.

 

La scuola internazionale Komyo Reiki

Komyo ReikiLa scuola (Kai) Komyo Reiki nasce nel 1998 a Kyoto ad opera del monaco buddista Rev. Hyakuten Inamoto. Da diversi anni Inamoto è impegnato affinché tutti possano conoscere il Reiki dalla tradizione giapponese mantenendo intatto e puro l'insegnamento del Maestro Mikao Usui.

Komyo Reiki non è un nuovo stile occidentale ma è il nome della scuola giapponese che, ormai in tutto il mondo, viene riferito al Reiki originario di Mikao Usui. Komyo Reiki pone molta enfasi sul percorso di crescita personale, finalizzato alla ricerca della pace interiore (Anshin Ritzumei), attraverso l'esperienza dell'Energia, anche tramite le tecniche tradizionali, e soprattutto attraverso il continuo miglioramento del proprio spirito. Komyo ReikiDo® segue gli insegnamenti di Usui Sensei e si concentra sulla guarigione non solo del corpo, ma soprattutto, dell'anima o dello spirito. Usui Sensei credeva che con il miglioramento spirituale, il corpo sarebbe stato, naturalmente, meglio in grado di guarire se stesso.

La completezza e la forza del Komyo Reiki sono date proprio dalla sua essenzialità, dalla sua chiarezza e dall'immediatezza di comprensione.

La ricerca della verità e della purezza è testimoniata dallo stile sobrio, senza misticismi o complicazioni derivanti da altre discipline o addirittura da correnti religiose.

Nonostante il Rev. Hyakuten sia un monaco buddista, egli insegna tramite principi assoluti e condivisi in tutto il mondo. Per questo motivo Komyo Reiki è una delle poche scuole che stanno trovando spazi di diffusione oltre che in Giappone, in Europa, negli Sati Uniti, anche in medio oriente e nei paesi arabi.

Free Joomla! template by L.THEME